Archivio della categoria Ricordiamoci... non dimentichiamo!

Il Caso Taormina (da far girare!!!)

Misteri italiani: il caso Taormina
(sarebbe una storia di prima pagina ma poco se ne parla. Quasi niente)
E’ una storia talmente incredibile che sembrerebbe quasi finta.

La notizia parte da un blog dentro la Repubblica. Sono anche citate le fonti con i link in fondo!
Possibile che sia una bufala?
Se non lo e’, e’ inspiegabile il silenzio dei grandi media. Repubblica non ne ha parlato. Perche’?
Misteri? Tentativi di manipolare l’informazione con notizie false?
Comunque diamo un’occhiata a questa supposta intervista di Taormina al blog: gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it.
Qui Taormina, avvocato capo di Berlusconi fino a qualche anno fa, spiega papale papale la strategia di Berlusconi per salvarsi dalle grinfie della giustizia.
Taormina che sputtana cosi’ Berlusconi?
Ma non e’ finita. Questa intervista si ricollega all’inizio di una crisi morale, con la quale oggi Taormina spiegherebbe il suo tradimento verso l’ex datore di lavoro, Silvio.
Questa crisi morale inizio’ a seguito del caso Telekom Serbia.
Tentarono di fregare Prodi accusandolo di aver preso tangenti, Repubblica scopri’ che era una montatura e Taormina annuncio’ ai giornalisti stupiti che ammetteva proprie responsabilita’ nella vicenda e quindi usciva dalla politica. E poi l’ha fatto veramente.
Questa storia diventa poi ancora piu’ grossa se la si ricollega alle dichiarazioni di Taormina, nell’agosto 2009, nelle quali tira in ballo Berlusconi che, dice lui, era stato informato direttamente da Taormina sulla corruzione in Abruzzo.
Anche qui l’accusa pesante sottintesa e’ quella di aver taciuto su reati gravissimi…
(qui sotto una sintesi degli articoli che riassume brillantemente tutta la storia.)
Dicevamo che questo “caso Taormina” pone varie domande:
- Cosa e’ successo a Taormina per farlo incazzare cosi’ tanto e mollare la politica?
- Perche’ questa storia non viene riportata dai media? (mi sembra ghiotta…)
- Cosa ci dice Taormina sulla strategia di Silvio?
Quest’ultima questione e’ molto importante.
Taormina ci racconta che sta proponendo leggi (processo breve) che in realta’ non ha intenzione di far passare. Gli servono per far imbufalire l’opposizione e poi presentare leggi piu’ digeribili e farle scivolare via, una volta che l’opposizione si e’ esaurita in manifestazioni contro un falso bersaglio.
Credo che sia importante capire che Silvio usa la strategia dei falsi bersagli per sfottere l’opposizione (che ci casca costantemente). Modestamente su questo blog ripetiamo da anni che deviare l’attenzione e’ lo strumento centrale della sua tattica. Abbiamo gia’ detto che non ha nessuna intenzione di fare il nucleare. Ci sta solo prendendo per il culo.
Cosi’ come quando scoppiava il caso dell’evasione fiscale dei suoi soci lui tiro’ fuori che Veronica Lario lo tradiva con Cacciari

“Conosco bene il modo con cui Berlusconi chiede ai suoi legali di fare le leggi ad personam, perche’ fino a pochi anni fa lo chiedeva a me. E, contrariamente a quello che sostiene in pubblico, con i suoi avvocati non ha alcun problema a dire che sono leggi per lui. Per questo oggi lo affermo con piena cognizione di causa: quelle che stanno facendo sono norme ad personam”.

Carlo Taormina, 70 anni, e’ stato uno dei legali di punta del Cavaliere fino al 2008, quando ha mollato il premier e il suo giro – uscendo anche dal Parlamento – a seguito di quella che lui ora chiama “una crisi morale”. Ormai libero da vincoli politici, in questa intervista a Piovonorane dice quello che pensa e che sa su Berlusconi e le sue leggi.

Avvocato, qual e’ il suo parere sulle due norme che il premier sta facendo passare in questi giorni, il processo breve e il legittimo impedimento?
“La correggo: le norme che gli servono per completare il suo disegno sono tre. Lei ha dimenticato il Lodo Alfano Bis, da approvare come legge costituzionale, che e’ fondamentale”.

Mi spieghi meglio.
“Iniziamo dal processo breve: si tratta solo di un ballon d’essai, di una minaccia che Berlusconi usa per ottenere il legittimo impedimento. Il processo breve e’ stato approvato al Senato ma scommetterei che alla Camera non lo calendarizzeranno neanche, insomma finira’ in un cassetto”.

E perche’?
“Perche’ il processo breve gli serve solo per alzare il prezzo della trattativa. A un certo punto rinuncera’ al processo breve per avere in cambio il legittimo impedimento, cioe’ la possibilita’ di non presentarsi alle udienze dei suoi processi e di ottenere continui rinvii. Guardi, la trattativa e’ gia’ in corso e l’Udc, ad esempio, ha detto che se lui rinuncia al processo breve, vota a favore del legittimo impedimento”.

E poi che succede? Che c’entra il Lodo Alfano bis?
“Vede, la legge sul legittimo impedimento e’ palesemente incostituzionale, e quindi la Consulta la boccera’. Pero’ intanto restera’ in vigore per almeno un anno e mezzo: appunto fino alla bocciatura della Corte Costituzionale. E Berlusconi nel frattempo fara’ passare il Lodo Alfano bis, come legge costituzionale, quindi intoccabile dalla Consulta”.

Mi faccia capire: Berlusconi sta facendo una legge – il legittimo impedimento – che gia’ sa essere incostituzionale?
“Esatto. Non puo’ essere costituzionale una legge in cui il presupposto dell’impedimento e’ una carica, in questo caso quella di presidente del consiglio. Non esiste proprio. L’impedimento per cui si puo’ rinviare un’udienza e’ un impegno di quel giorno o di quei giorni, non una carica. Ad esempio, quando io avevo incarichi di governo, molte udienze a cui dovevo partecipare si facevano di sabato, che problema c’e’? E si possono tenere udienze anche di domenica. Chiunque, quale che sia la sua carica, ha almeno un pomeriggio libero a settimana. Invece di andare a vedere il Milan, Berlusconi potrebbe andare alle sue udienze. E poi, seguendo la logica di questa legge, la pratica di ottenere rinvii potrebbe estendersi quasi all’infinito. Perche’ mai un sindaco, ad esempio, dovrebbe accettare di essere processato? Forse che per la sua citta’ i suoi impegni istituzionali sono meno importanti? E cosi’ via. Insomma questa legge non sta in piedi, e’ destinata a una bocciatura alla Consulta. E Berlusconi lo sa, ma intanto la fa passare e la usa per un po’ di tempo, fino a che appunto non passa il Lodo Alfano bis, con cui si sistema definitivamente”.

Come fa a esserne cosi’ certo?
“Ho lavorato per anni per Berlusconi, conosco le sue strategie. Quando ero il suo consulente legale e mi chiedeva di scrivergli delle leggi che lo proteggessero dai magistrati, non faceva certo mistero del loro scopo ad personam. E io gliele scrivevo anche meglio di quanto facciano adesso Ghedini e Pecorella”.

Tipo?
“Quella sulla legittima suspicione, mi pare fossimo nel 2002. Gli serviva per spostare i suoi processi da Milano a Roma. Lui ce la chiese apertamente e noi, fedeli esecutori della volonta’ del principe, ci siamo messi a scriverla. E abbiamo anche fatto un bel lavoretto, devo dire: sembrava tutto a posto. Poi una sera di fine ottobre, verso le 11, arrivo’ una telefonata di Ciampi”.

Che all’epoca era Presidente della Repubblica.
“Esatto. E Ciampi chiese una modifica”.

Quindi?
“Quindi io dissi a Berlusconi che con quella modifica non sarebbe servita piu’ a niente. Lui ci penso’ un po’ e poi rispose: “Intanto facciamola cosi’, poi si vede”. Avevo ragione io: infatti la legge passo’ con quelle modifiche e non gli servi’ a niente”.

Pentito?
“Guardi, la mia esperienza al Parlamento e al governo e’ stata interessantissima, direi quasi dal punto di vista scientifico. Ma molte cose che ho fatto in quel periodo non le rifarei piu’. Non ho imbarazzo a dire che ho vissuto una crisi morale, culminata quando ho visto come si stava strutturando l’entourage piu’ ristretto del Cavaliere.

A chi si riferisce?
“A Cicchitto, a Bondi, a Denis Verdini, ma anche a Ghedini e Pecorella. Personaggi che hanno preso il sopravvento e che condizionano pesantemente il premier. E l’hanno portato a marginalizzare – a far fuori politicamente – persone come Martino, Pisanu e Pera. E adesso stanno lavorando su Schifani”.

Prego?
“Si’, il prossimo che faranno fuori e’ Schifani. Al termine della legislatura fara’ la fine di Pera e Pisanu”.

Ma mancano ancora tre anni e mezzo alla fine della legislatura…
“Non credo proprio. Penso che appena sistemate le sue questioni personali, diciamo nel 2011, Berlusconi andra’ alle elezioni anticipate”.

E perche’?
“Perche’ gli conviene farlo finche’ l’opposizione e’ cosi’ debole, se non inesistente. Cosi’ vince un’altra volta e puo’ aspettare serenamente che scada il mandato di Napolitano, fra tre anni, e prendere il suo posto”.

Aiuto: mi sta dicendo che avremo Berlusconi fino al 2020?
“E’ quello a cui punta. E in assenza di un’opposizione forte puo’ arrivarci tranquillamente. L’unica variabile che puo’ intralciare questo disegno, piu’ che il Pd, mi pare che sia il centro, cioe’ il lavorio tra Casini e Rutelli. Ma se questo lavorio funzionera’ o no, lo vedremo solo dopo le regionali”.

Fonte: clicca qui

Ottobre 2003…
“Confesso, sono io il burattinaio, il puparo di tutta questa vicenda, mi autodenuncio per concorso in calunnia con Paoletti, Marini e Pintus”, dice l’avvocato interpellato dall’Ansa, aggiungendo di aver “creato difficolta’ a Forza Italia e a Berlusconi”. E’ quindi giusto, continua Taormina, “che mi ritiri dalla vita politica”. E ancora: “Ho sbagliato fortemente, e questa e’ una confessione aperta, e’ giusto che faccia pubblica ammenda; do atto a Repubblica di essere dotata di giornalisti di primo rango”…”Sto dando un annuncio serio, daro’ le dimissioni da deputato nei prossimi giorni”. E, entrando nel merito, aggiunge che “Attraverso i diversi processi indicati da Repubblica e per i miei rapporti con personaggi come D’Andria, Fracassi, Di Bari e anche Francesco Pazienza, tutti collegati dall’immaginario collettivo a servizi segreti deviati e a truffe e riciclaggio internazionali, sono riuscito a raggiungere l’obiettivo di mettere la Commissione Telekom Serbia di essere oggetto di una polpetta avvelenata”.

Cosi’, conclude l’avvocato, “mi assumo tutte la responsabilita’ di personaggi che chiamando in causa Prodi, Dini e Fassino li hanno gravemente calunniati; e mi autoaccuso per concorso in calunnia, ….”… Infine, di fronte allo stupore che suscitano le sue parole, a chi gli chiede se ha intenzione di querelare il quotidiano, ribadisce: “Repubblica ha ragione, non posso querelare!”.

Per chi volesse saperne di piu’ ecco qui il link al dossier di Repubblica su Telekom Serbia che ha causato le dimissioni di Taormina.
CLICCA QUI

Repubblica – 08 agosto 2009
… Si tratta del memoriale dell’ ex presidente della Fira (finanziaria regionale abruzzese) Giancarlo Masciarelli, coinvolto nel 2006 in un’ inchiesta sulla gestione dei fondi europei alle imprese. Un memoriale consegnato da Masciarelli (nei giorni in cui era in custodia cautelare) al suo legale, Taormina. Ora, l’ avvocato rivela a Radio Radicale, che il documento in suo possesso “e’ fatto di cifre, di nomi, di cognomi, politici e non politici”. E aggiunge, riferendosi alle rivelazioni dell’ Espresso: “Il fenomeno e’ totalmente vero. Si parlava di milioni di euro. Non so se a Cicchitto siano andati o no dei soldi, e con questo chiarisco che non voglio dire che insinuo che a lui siano andati”. Taormina … ieri ha dichiarato: “Quando ne venni a conoscenza, ne parlai anche con Berlusconi, che dunque era a conoscenza delle situazione ambigue e anomale che si stavano da tempo gestendo in Abruzzo”.

, , , , , , ,

Nessun commento

Brunetta il fannullone

Vorrei precisare che non mi dispiace completamente l’operato di Brunetta, ma mi da fastidio l’ipocrisia della persona.

Il nostro ministro Brunetta
Il nostro ministro Brunetta

Brunetta, la nostra scheggia impazzita che aborra gli assenteisti e i fannulloni, sembra non ricordare il suo passato.
Vi voglio rinfrescare la memoria con una notizia ANSA di Giugno 2008.

Parlamento Ue: Brunetta assenteista (Notizia ANSA)

TRIESTE, 12 Giugno 2008

Renato Brunetta, che ha annunciato battaglia contro i fannulloni nella P.A., e’ stato tra gli europarlamentari italiani piu’ assenteisti. Lo sottolinea il Piccolo di Trieste, che cita il sito web radicale ‘Fai notizia’, secondo cui il ministro si piazza al 611/mo posto come presenze tra gli europarlamentari, con una percentuale del 48,21%.

Indici di partecipazione minori sono stati raggiunti da Pannella (47,14%), Di Pietro (44,29%), Veltroni (41,79%), Mastella (40%) e Dell’Utri (14,64%).

…….

Non so se rendo… seicentoundicesimo posto! Con una percentuale di presenze del 48%… meno della metà!!!
E’ come se una persona andasse a lavorare meno di un giorno su due… facile… comodo…

Ma cos’è successo che improvvisamente, negli ultimi mesi, sembra che stia lavorando solo lui e ce l’ha a morte coi fannulloni, sua categoria fino a poco tempo fa?
Forse l’hanno obbligato a fare qualcosa e per invidia di chi poteva ancora cazzeggiare, ci si è abbattuto contro?

, , , ,

Nessun commento

Anch’io ho il calzino turchese! Solidarietà a Mesiano! (part 2 – Lei!)

Anch'io ho i calzini turchesi!
Anch’io ho i calzini turchesi! Mirate..

Dopo di me, arriva lei! Il mio splendore!

Ed eccola a voi, coi suoi supersexy calzini turchesi! La stravaganza regna sovrana… dove andremo a finire?

Anch'io ho i calzini turchesi!
Anch’io ho i calzini turchesi! E mi informo..

, , , , ,

Nessun commento

IO ODIO… LORO!

Odio Loro!
Odio Loro!

La lista è in continuo aggiornamento!!! Se ritenete che io debba odiare qualcuno in più contattatemi!
La lista è in ordine alfabetico… e linka alle relative pagine di Wikipedia! Questo solo per farvi conoscere meglio le persone, con lo stesso obiettivo che si pone il libro “Se li conosci li eviti”.

Odio:

http://it.wikipedia.org/wiki/Sandra_Lonardo

, , , , ,

Nessun commento

IO ODIO…

Io Odio!
Odio!

Odio questo Stato… in tutti i sensi!
Odio questa politica, fatta di favori, mafia e corruzione
Odio questo sistema fiscale, macchiavellico, non-chiaro, inefficiente e che non rende quello che prende
Odio vedere cervelli italiani costretti ad andare all’estero per realizzarsi
Odio veder pregiudicati in politica
Odio vedere che la legge per i nemici si applica e per gli amici si interpreta
Odio le leggi ad personam
Odio non poter scegliere chi eleggere
Odio questa nostra finta libera informazione
Odio la P2 che c’è stata e il progetto che stanno tuttora realizzando
Odio Telecom, reale blocco al libero mercato di telefonia e internet
Odio sapere che i parlamentari hanno diritto alla pensione dopo due anni e mezzo e vogliono continuamente alzare l’età pensionabile agli altri
Odio i finanziamenti ai partiti e ai giornali di partito
Odio la RAI e la TV italiana, fatta di programmi spazzatura e reality atti ad anestetizzare il popolo
Odio la paura che si prova nel camminare per alcuni quartieri
Odio rendermi conto che se mi entra un ladro in casa e succede qualcosa (del tipo il mio cane lo aggredisce, si fa male scavalcando la ringhiera, etc.) mi può far causa e quello che rischia guai seri, SONO IO!
Odio gli altissimi prezzi degli immobili e i mutui trentennali o, peggio, quarantennali
Odio i prezzi degli affitti, che portano via oltre la metà (se non quasi tutto) di uno stipendio medio
Odio l’Università, solo perchè non c’è alcuna sicurezza di lavoro dopo di essa
Odio l’Università, continuamente riformata e appiattita di livello
Odio tutti questi lavori e lavoratori con Partita IVA “occasionale” o contratto a progetto, senza garanzie di un lavoro duraturo e, così, senza garanzie per accendere un mutuo ed iniziare a costruirsi una vita
Odio gli appalti statali, quasi tutti pilotati e volti a mangiar fondi pubblici
Odio gli sprechi della politica e gli stipendi dei politici tra i più alti e immeritati al mondo
Odio l’ignoranza, mascherata dietro belle parole, che aleggia in Parlamento
Odio le tasse che ci sono ancora, ma che non dovrebbero esistere più (un esempio, le accise..)
Odio tutta la burocrazia all’italiana, volta a perdere tempo e denaro
Odio questo vivere caotico, sempre di corsa e senza tempo da dedicare alla famiglia e alle passioni
Odio le leggi bavaglio e ammazza-blog, ulteriori paletti alla libera informazione
Odio il calcio italiano, strapagato, spacciato da italiani come migliore al mondo, ma marcio e malato a causa degli interessi che ne girano attorno
Odio gli inceneritori e il nucleare, spacciati per alternativi, ma dannosi per ambiente e persone

Amo l’Italia, paese splendido, dalle potenzialità illimitate, con gente magnifica, una storia bellissima, dei cibi buonissimi, una passione senza eguali, dei paesaggi impossibili da sognare, delle tradizioni fantastiche, etc… etc… etc…
… ma odio essere italiano!

, , , , ,

1 commento

Parla il Berluscones Feltri… è l’ora dell’attacco a Fini!

Preso dal seguente articolo del Giornale… faccio tutte le citazioni del caso… così che possiate andare a trovarvi l’articolo se vi interessa! Proseguiamo…

IL PRESIDENTE FINI E LA STRATEGIA DEL SUICIDIO LENTO

Ultima chiamata per Fini: o cambia rotta o lascia il Pdl

di Vittorio FeltriIl GiornaleLunedì 14 Settembre 2009

cito solo l’ultima parte dell’articolo, dopo aver già “avvisato” il camerata Fini:
“… Non gli è permesso tenere un piede nella maggioranza e uno nell’opposizione.
Deve risolversi subito.
E ricordi che bocciato un Lodo Alfano se ne approva un altro, modificato, e lo si manda immediatamente in vigore.
Ricordi anche che delegare i magistrati a far giustizia politica è un rischio.
Specialmente se le inchieste giudiziarie si basano su teoremi.
Perché oggi tocca al premier, domani potrebbe toccare al presidente della Camera.
È sufficiente – per dire – ripescare un fascicolo del 2000 su faccende a luci rosse riguardanti personaggi di Alleanza nazionale per montare uno scandalo.
Meglio non svegliare il can che dorme.
Inoltre, valuti Fini, che se la Lega si scoccia e ritira la sua delegazione, il voto anticipato è inevitabile.
Allora per lui, in bilico tra destra e sinistra, sarebbe una spiacevole complicazione.”

Vi giuro, che non ho parole… bocciato un Lodo Alfano, se ne fa un altro… minaccie per faccende a luci rosse che sanno solo loro…
Butei, siamo alle asse… ora ditemi voi se il Giornale fa informazione o propaganda politica…

, , , , , ,

Nessun commento

Berlusconi a L’Aquila! Ciò che non ha fatto!

Mi scuso per la citazione e il furto dell’immagine, ma in questo periodo in cui la RAI è impazzita, togliendo la tutela legale a Report, non rinnovando i contratti con i vari collaboratori di Annozero e Santoro, facendo slittare la partenza di Ballarò e mettendo Porta a Porta con il fotocartaigienico Bruno Vespa…. BRUNO VESPA!!!!!… e tutto questo solo per elogiare il cavaliere e tutti i suoi lavori fatti e svolti a L’Aquila…

Ma vorrei proprio vedere cosa ha fatto a L’Aquila… vai a parlarne ad Annozero e vediamo cosa dici… facile andare da Zerbino Vespa…

Comunque… guardate questa immagine…

Silvio Berlusconi a L'Aquila
Silvio Berlusconi a L’Aquila

L’ho presa da VoglioScendere, da un magnifico articolo di Corrias, che voglio linkare:
http://voglioscendere.ilcannocchiale.it/post/2329400.html

Buona lettura… guardate quanto ha fatto il vostro amico Silvio…
e diffidate dell’informazione di Vespa… non fa informazione, ma propaganda… o meglio Propaganda Due!

, , , , , , , , ,

Nessun commento

Rivogliamo Annozero, Michele Santoro e Marco Travaglio (secondo spot)

Inserisco il secondo spot pubblicitario di Annozero, spot che dovrebbe essere in onda sulle reti RAI, ma che la RAI non vuole trasmettere.

Forza Michele… la prossima da salvare sarà la Gabanelli…

, , ,

Nessun commento

Rivogliamo Annozero, Michele Santoro e Marco Travaglio

Dalle ultime dichiarazioni, sembra verosimile che Annozero non vada in onda o che parta in ritardo… contro quello che già aveva deciso la Corte di Cassazione, quando già un’altra volta avevano tentato di chiudere uno, forse l’unico assieme a Report, programma libero e di libera informazione!

Michele Santoro lancia un appello a tutti i blogger di far girare i suoi video promozionali su Annozero. Io rispondo all’appello!

Non lasciamo che ci cancellino dal palinsesto gli unici programmi sulla TV pubblica (TV PUBBLICA RIPETO!) che fanno informazione.

Michele Santoro e Marco Travaglio, io sto con voi!

, , ,

6 Commenti

Se telefonando… di Gioacchino Genchi e Gianni Barbacetto

Oggi mi sento di citare l’ultimo post che Gioacchino Genchi scrive sul suo blog… così, giusto per essere un altra persona che ne tiene traccia, se mai dovesse esistere una censura che cancella queste cose è meglio averne più copie e divulgare il tutto più possibile!

Questo era un articolo pubblicato sul Diario di Enrico Deaglio il 21 marzo 2003. Ora è più attuale di allora!

Prima di iniziare… Gioacchino, io sono con te!

Titolo: Se telefonando …

C’è un contatto diretto, nel 1994, tra Silvio Berlusconi
e un uomo al lavoro per costruire il «partito di Cosa nostra».
È emerso al processo palermitano per mafia contro Dell’Utri

di Gianni Barbacetto

C’è stato un contatto telefonico diretto, nel 1994, agli albori di Forza Italia, tra Silvio Berlusconi e un uomo allora impegnato a costruire «il partito di Cosa nostra». Lo ha raccontato un consulente della procura di Palermo, Gioacchino Genchi, in una delle udienze del processo in corso nella città siciliana con imputato Marcello Dell’Utri, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. A telefonare ad Arcore, al numero riservato di Berlusconi, alle ore 18.43 del 4 febbraio 1994, è il principe Domenico Napoleone Orsini.

Esponente dell’aristocrazia nera romana, massone, Orsini è in contatto con il capo della P2 Licio Gelli, che va anche a incontrare a villa Wanda, ad Arezzo. Dopo una gioventù nell’estrema destra neofascista, nei primi anni Novanta Orsini si scopre leghista. Nel novembre 1993 accoglie Umberto Bossi che scende nella Roma ladrona per incontrare i suoi sostenitori nella capitale: si riuniscono nella villa di Trastevere di Gaia Suspisio per una cena e brindisi con Veuve Cliquot, costo politico centomila lire, a cui partecipano, tra gli altri, il giornalista Fabrizio Del Noce, la vedova del fondatore del Tempo Maria Angiolillo e Maria Pia Dell’Utri, moglie di Marcello. Mentre viene servita la crostata di frutta, Bossi si avventura in un comizio di tre quarti d’ora, che si conclude solo quando la brigata si trasferisce al Piper, storica discoteca romana.Orsini si impegna nella Lega Italia federale, articolazione romana della Lega nord. Ma, forte dei contatti con Gelli, lavora per un progetto più ampio: riunire tutti i movimenti «separatisti», tutte le «leghe» nate in quei mesi nel Sud del Paese. Sono per lo più uomini della massoneria a fondare in molte regioni del Sud, dalla Calabria alla Lucania, dalla Puglia alla Sicilia, piccoli gruppi che si ispirano alla Lega di Bossi. I partiti storici, Dc in testa, sono allo sbando, anche per effetto delle inchieste di Mani pulite. Molti lavorano sotto traccia per riempire quel vuoto politico, mentre le stragi del ‘92, in cui muoiono Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, e del’93, a Firenze, Roma e Milano, destabilizzano il Paese.

Il principe Orsini è tra i più attivi in quei mesi: contatta i notabili che hanno fondato le «leghe del Sud», li riunisce, si offre come loro candidato unico alle elezioni, proponendo la costituzione di un’unica, grande «Lega meridionale», in rapporti ambivalenti con la Lega di Bossi: contrapposizione polemica, dichiarata riscossa del Sud contro il Nord, ma sostanziale alleanza e convergenza d’intenti, nel comune progetto di spezzare e frantumare l’Italia. Nello stesso periodo, qualcun altro era molto attivo negli stessi ambienti. Lo racconta Tullio Cannella, uomo molto vicino al capo militare di Cosa nostra, Leoluca Bagarella, impegnato nelle stragi: «Sin dal 1990-91 c’era un interesse di Cosa nostra a creare movimenti separatisti; erano sorti in tutto il Sud movimenti con varie denominazioni, ma tutti con ispirazioni e finalità separatiste. Questi movimenti avevano una contrapposizione “di facciata” con la Lega nord, ma nella sostanza ne condividevano gli obiettivi. Successivamente, sorgono a Catania il movimento Sicilia libera e in altri luoghi del Sud movimenti analoghi. Tutte queste iniziative nascevano dalla volontà di Cosa nostra di “punire i politici una volta amici”, preparando il terreno a movimenti politici che prevedessero il coinvolgimento diretto di uomini della criminalità organizzata o, meglio, legati alla criminalità, ma “presentabili”». È la mafia che si fa partito: dopo aver constatato l’inutilizzabilità della Democrazia cristiana, che aveva lasciato diventare definitive le condanne al maxiprocesso di Palermo, Totò Riina e i suoi cercano figure «presentabili» per varare in proprio una nuova forza politica.

«Nell’ottobre 1993», continua Cannella, «su incarico di Bagarella costituii a Palermo il movimento Sicilia libera», che apre una sede in via Nicolò Gallo e ha tra i suoi animatori, oltre allo stesso Cannella, anche Vincenzo La Bua. A Catania era nata la Lega Sicilia libera, controllata da Nando Platania e Nino Strano. Programma: la separazione dall’Italia della Sicilia, che doveva diventare «la Singapore del Mediterraneo», con conseguente possibilità di varare leggi più favorevoli a Cosa nostra, bloccare i «pentiti», annullare l’articolo 41 bis dell’ordinamento carcerario che aveva introdotto il carcere duro per i mafiosi, formare in Sicilia una autonoma Corte di cassazione…

I fondatori di «cosa nuova»

Agli uomini di Cosa nostra non sfugge fin dall’inizio che questo progetto è ambizioso e di difficile realizzazione. Per questo si lasciano aperta un’altra possibilità: cercare rapporti e offrire sostegno a nuove forze politiche nazionali che stanno nascendo sulle rovine del vecchio sistema dei partiti. «Le due strategie già coesistevano», racconta Cannella, «e lo stesso Bagarella sapeva della prossima “discesa in campo” di Silvio Berlusconi».

È Forza Italia, dunque, la carta di riserva di Cosa nostra. I suoi uomini sono informati in anticipo, attraverso canali privilegiati, dei programmi di Forza Italia. Li conoscono addirittura prima che il nome Forza Italia sia lanciato da Berlusconi sul mercato della politica. Prosegue infatti Cannella: «Bagarella, tuttavia, non intendeva rinunciare al programma separatista, perché non voleva ripetere “l’errore” di suo cognato (Riina, ndr), cioè dare troppa fiducia ai politici, e voleva, quindi, conservarsi la carta di un movimento politico in cui Cosa nostra fosse presente in prima persona. Inoltre, va detto che vi era un’ampia convergenza tra i progetti, per come si andavano delineando, del nuovo movimento politico capeggiato da Berlusconi e quelli dei movimenti separatisti. Si pensi Si pensi al progetto di fare della Sicilia un porto franco, che era un impegno dei movimenti separatisti e un impegno dei siciliani aderenti a Forza Italia. Si pensi ancora che, all’inizio del 1994, da esponenti della Lega nord (Tempesta, Marchioni e il principe Orsini), con i quali avevo avuto diretti contatti, ero stato notiziato dell’esistenza di trattative fra Bossi e Berlusconi per un apparentamento elettorale e per un futuro accordo di governo che prevedeva, fra l’altro, il federalismo tra gli obiettivi primari da perseguire. Marchioni mi aveva riferito che un parlamentare della Lega nord, questore del Senato, aveva confermato che il futuro movimento, che avrebbe poi preso il nome di Forza Italia, aveva sposato in pieno la tesi federalista».

Giovanni Marchioni, un imprenditore vicino alla Lega Italia federale, l’articolazione romana della Lega nord, ha confermato che i promotori delle «leghe del Sud» si sono riuniti a Lamezia Terme. Erano presenti, tra gli altri, La Bua e Strano per Sicilia libera, oltre ai rappresentanti di Calabria libera, Lucania libera e Campania libera. In questa occasione il principe Orsini si propone come candidato unico del futuro raggruppamento di tutte quelle organizzazioni. Orsini conferma tutto ai magistrati palermitani e ammette «di avere chiaramente intuito il tipo di interessi che Sicilia libera intendeva tutelare», scrivono i magistrati di Palermo, «specialmente dopo che Cannella gli disse esplicitamente che “occorreva tenere un discorso all’Ucciardone per poi perorare la causa del noto 41 bis dell’ordinamento penitenziario”».

Già verso la fine del 1993, comunque, un boss di Cosa nostra impegnato in prima persona nella strategia delle stragi avverte Cannella che quella del movimento separatista non è l’unica via: «Nel corso di un incontro con Filippo Graviano, questi, facendo riferimento al movimento Sicilia libera di cui ero notoriamente promotore, mi disse testualmente: “Ti sei messo in politica, ma perché non lasci stare, visto che c’è chi si cura i politici… Ci sono io che ho rapporti ad alti livelli e ben presto verranno risolti i problemi che ci danno i pentiti». Graviano e, nell’ombra, Bernardo Provenzano, nei mesi seguenti constatano che la strada separatista non è percorribile. È in questo clima che si intrecciano rapporti frenetici tra esponenti delle «leghe» e uomini di Forza Italia.

Gioacchino Genchi è un poliziotto esperto in analisi dei traffici telefonici. Da tempo è in aspettativa dalla Polizia e dal suo ufficio di Palermo pieno di computer svolge il ruolo di consulente per diverse procure italiane. Per quella di Palermo ha analizzato, con i suoi programmi e i suoi data base, i flussi telefonici dei protagonisti della stagione di Sicilia libera. Scoprendo nei tabulati della Telecom e degli altri gestori telefonici una serie di contatti insospettabili.

Quel 4 febbraio 1994

Il giorno chiave è il 4 febbraio 1994. Il principe Orsini alle 10.50 telefona a Stefano Tempesta, esponente leghista vicino a Sicilia libera. Nel primo pomeriggio, alle 15.55, raggiunge al telefono Cannella, l’inviato di Bagarella nella politica. Subito dopo, alle 16.14, chiama la sede di Sicilia libera a Palermo. Alle 18.43 chiama Arcore: il numero è quello riservato a cui risponde Silvio Berlusconi. Immediatamente dopo chiama Marcello Dell’Utri. Alle 19.01 telefona di nuovo a Tempesta, che raggiunge ancora alle 19.20. Nei giorni successivi i contatti di Orsini continuano. Il 7 febbraio 1994, alle 17.34, chiama Sicilia libera. Il giorno dopo parla due volte con Dell’Utri. Il 10 febbraio alle 13.26 telefona a Cesare Previti. Il 14 febbraio contatta ancora Dell’Utri e, alle 16.04, Vittorio Sgarbi.

L’analisi al computer dei tabulati di migliaia di telefonate, naturalmente, non può far conoscere i contenuti dei contatti. Ma rivela i rapporti, le connessioni. Un deputato regionale siciliano dell’Udc, Salvatore Cintola, per esempio, nel periodo tra il 9 ottobre 1993 e il 10 febbraio 1994 chiama 96 volte il cellulare di Tullio Cannella, l’uomo di Sicilia libera. In quei mesi cruciali a cavallo tra il ‘93 e il ‘94 sono molti i contatti tra la sede di Sicilia libera e i numeri della Lega nord, a Roma, a Verona, a Belluno. Poi, quando l’opzione «leghista» tramonta, crescono i rapporti telefonici con uomini di Forza Italia. Gianfranco Micciché, Gaspare Giudice, Pippo Fallica, Salvatore La Porta. E Giovanni Lalia, che di Forza Italia siciliana è uno dei fondatori. È lui che dà vita al club forzista di Misilmeri, che anima il gruppo che si riunisce all’Hotel San Paolo di Palermo, formalmente posseduto dal costruttore Gianni Ienna, ma considerato dagli investigatori proprietà dei Graviano e per questo confiscato. È sempre lui, Lalia, che cede il suo cellulare a mafiosi di Misilmeri, il giro di Giovanni Tubato (poi ucciso) e Stefano Benigno (cugino di Lalia, in seguito condannato per le stragi del ‘93).

Le analisi dei traffici telefonici mettono in risalto anche gli intensi rapporti tra Marcello Dell’Utri e un gruppo di imprenditori siciliani attivi a Milano nel settore delle pulizie, capitanati da Natale Sartori e Antonino Currò, arrestati poi nel 1998 a Milano. Il gruppo di Sartori e Currò era a sua volta in strettissimi rapporti con il mafioso Vittorio Mangano, un tempo «stalliere» nella villa di Berlusconi ad Arcore. Un capomafia del peso di Giovanni Brusca ha testimoniato a Palermo che il tramite tra Berlusconi e Cosa nostra, a Milano, sarebbe proprio «un imprenditore nel settore delle pulizie». Chissà, si sono chiesti gli investigatori del caso Sartori-Currò, se ha a che fare con i nostri eroi. Ma per ora quell’imprenditore – ammesso che esista – è rimasto senza volto e senza nome.
Restano soltanto i fili sottili dei rapporti intrecciati, nel momento forse più drammatico della storia italiana del dopoguerra, tra gli uomini di Cosa nostra, i promotori delle leghe, i fondatori di Forza Italia. Che questi contatti ci siano stati è ormai certo. Che cosa si siano detti, quali trattative, quali eventuali promesse si siano fatti non è invece ancora dato di sapere con certezza. Il momento fondativo della cosiddetta Seconda Repubblica resta avvolto nel mistero.

, , , , , , ,

Nessun commento